Richiesta di un tavolo di coordinamento per la qualità dell’aria

Oggi sul sito dell’Arpa i dati del Pm10 non sono disponibili, ieri si…disponibilissimi e si configurava un inquinamento fuori controllo, dovuto  dal fatto che ormai non piove da più di un mese.  Qui di seguito pubblichiamo la nostra richiesta al Sindaco e gli enti preposti,  affinché si organizzi insieme alla Città Metropolitana e i vari Sindaci un tavolo di coordinamento per la qualità dell’aria.

Beinasco non può sopportare un carico Ambientale così forte.

Siamo circondati dall’ex Servizi Industriali che doveva essere delocalizzata dalla messa in esercizio dell’inceneritore e così non è avvenuto, disattendendo tutti i protocolli d’intesa (il nostro Comune NON ne ha firmato uno)

Siamo invasi dal traffico veicolare, da una parte per colpa di un casello TO- Pinerolo e dall’altra, da un servizio pubblico di trasporto sempre più ridotto ai minimi termini.

La richiesta è dovuta, non possiamo pensare che la Salute dei Cittadini abbia meno valore degli interessi privati, ed è ora che le istituzioni che governano i Comuni, ex Provincia e Regione si diano una mossa…rispettando i loro datori di lavoro…Il Popolo

 
Senza nome 1

NUOVA REGOLAMENTAZIONE COMUNALE ORARI SALE GIOCHI

Lunedì 23 Novembre all’interno del Consiglio Comunale si voterà la mozione sulla creazione di un’ ”anagrafe” delle slot presenti nel territorio e sulla riduzione degli orari delle sale giochi limitate al mattino per contrastare il fenomeno della ludopatia.

Di fatto non potranno essere concesse nuove slot machine ai locali vicini alle scuole e dopo le ore 13 si potrà accedere all’area dei video poker fino alle ore 24.

slot machine

3 italiani su 100 soffrono di ludopatia

La mozione , presentata in Commissione dall’assessore Ronco e votata in commissione sia dalla maggioranza sia dall’opposizione, ci trova come Movimento 5 Stelle di Beinasco favorevoli poiché può contribuire ad allontanare i giovani dal vizio del gioco; inoltre è coerente con uno dei punti del programma che abbiamo presentato alle elezioni inerente proprio alla lotta alla dipendenza dal gioco.

Comunicato stampa, in merito al flash mob del 22 novembre 2015 “antistante l’origine della puzza”

Nuovo-logo-m5s

Visto la richiesta del Sindaco , resa nota tramite Facebook,  ai Cittadini “di ritrovarsi domenica 22 novembre alle ore 21.30 nel piazzale basso del San Luigi , poi ci si trasferirà nel piazzale antistante l’origine della puzza”, sfociando in un “flash mob”…..
COMUNICHIAMO:
in qualità di rappresentati istituzionali della nostra comunità locale, mettendo da parte la nostra  opposizione politica ed essendo da sempre nella nostra filosofia la tutela dell’ambiente ,territorio e della salute dei cittadini, saremo presenti alla manifestazione indetta dal Sindaco di Beinasco alla ex Servizi Industriali.
Ma poiché riteniamo che la questione sia da discutere in ambito politico, contestualmente PROPONIAMO e CHIEDIAMO L’ IMPEGNO DEL SINDACO per avviare una strategia, comune, concreta  che vada verso una vera assunzione di responsabilità.
Pertanto chiediamo che si faccia al più presto una manifestazione con la cittadinanza sotto il palazzo della Regione, con a capo il nostro Sindaco, cosa importante per responsabilizzare la politica di fronte agli impegni non rispettati.
Si rigettino tutti gli accordi  riguardanti l’inceneritore (e quindi la Servizi Industriali oggi Ambienthesis) e si chieda audizione presso la V Commissione presso la Regione nonché in ambito della Città Metropolitana, in luogo della Provincia, e in tutte le altre sedi istituzionali.

Cursi Eusebio Capogruppo M5S di Beinasco

FIRMA CONTRO IL NUOVO BOLLO AUTO DI CHIAMPARINO

Dai primi giorni di Novembre è partita la raccolta firme per la petizione regionale del Movimento 5 Stelle contro il bollo auto proposto dalla Giunta Chiamparino per auto a metano, gpl, elettriche con il disegno di legge n. 166 (articolo 4 comma 3) in approvazione entro fine anno.

E’ possibile venire a firmare sabato 21 Novembre a Beinasco davanti all’entrata dell’IPERCOOP (lato distributore Repsol) dalle ore 14 alle ore 18

no bollo auto ecologiche

petizione contro bollo auto gpl e metano

Se vuoi avere più informazioni di cosa si tratta vai a

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/piemonte/2015/11/firma-contro-il-nuovo-bollo-auto-di-chiamparino.html#more

Come primi firmatari abbiamo presentato, in data 10 dicembre dicembre 2015, la richiesta di audizione per la NON introduzione del bollo sulle auto ecologiche. Sono state raccolte quasi 17 mila firme a supporto.

richiesta audizione

RIMOZIONE DEL CASELLO AUTOSTRADALE DI BEINASCO

Martedì 17 Novembre. durante il Consiglio regionale del Piemonte. è stato approvato all’unanimità un ordine del giorno del Movimento 5 Stelle, primo firmatario Federico Valetti vice presidente della commissione trasporti, che prevede tra i requisiti per la concessione del servizio autostradale post 2016 la rimozione del casello di Beinasco sull’autostrada Torino-Pinerolo.

Migliorerà quindi la qualità del traffico della città di Beinasco e dei paesi limitrofi, aree comunque già compromesse dal punto di vista ambientale per la vicinanza dell’inceneritore del Gerbido e di numerosi siti industriali.

 

FIRMA CONTRO IL NUOVO BOLLO AUTO DI CHIAMPARINO

Dai primi giorni di Novembre è partita la raccolta firme per la petizione regionale del Movimento 5 Stelle contro il bollo auto proposto dalla Giunta Chiamparino per auto a metano, gpl, elettriche con il disegno di legge n. 166 (articolo 4 comma 3) in approvazione entro fine anno.

E’ possibile venire a firmare sabato 14 Novembre a Beinasco davanti all’entrata dell’IPERCOOP (lato distributore Repsol) dalle ore 14 alle ore 18

no bollo ad auto ecologiche

petizione contro bollo auto gpl e metano

Se vuoi avere più informazioni di cosa si tratta vai a

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/piemonte/2015/11/firma-contro-il-nuovo-bollo-auto-di-chiamparino.html#more

Scuolabus, ci sará all’inizio dell’anno scolastico? Si o No?

Il giorno 4 agosto, venuti a conoscenza della situazione scuolabus per l’anno scolastico 2015-16, abbiamo inoltrato un comunicato stampa alle varie testate giornalistiche che prontamente la Stampa di Torino ha pubblicato il giorno 9 agosto 

Comunicato stampa:

Con l’avvio del prossimo anno scolastico­ l’amministrazione di Beinasco ha deciso­ che non è più sostenibile il costo dell­o scuolabus per i bambini delle scuole e­lementari di Borgo Melano Solo dodici ad­esioni che sono ritenute insufficienti p­er continuare a fornire il servizio.
L’appalto è scaduto a giugno e non è sta­to indetto un nuovo bando. Si parla quin­di di un “affidamento diretto” ai soliti­ nomi noti che, sempre secondo l’assesso­re di riferimento è l’unica società inte­ressata a fornire il servizio. E’ eviden­te che se non si indice un bando non ci ­possono essere richieste.
Nel frattempo i genitori dei bambini son­o in fibrillazione perchè non sanno come­ fare a portare i bimbi a scuola. Da Bor­go Melano alla scuola “Gramsci” di via M­irafiori ci sono circa 1500 metri…tutt­i a piedi?

Sollevato e reso pubblico il problema l’amministrazione ci mette una toppa, e come consuetudine non si  dimentica di screditarci, facendo credere che solo loro riescono a risolvere i problemi; problemi che loro si creano, insomma come al solito se la cantano e se la suonano.

Qui di seguito l’articolo della Stampa di Torino.

 Scuolabus 2015-08-09 la Stampa

Replica all’articolo uscito sulla Stampa­ domenica 9 agosto 

…scontato accusare l’opposizione di fa­re sterili polemiche….i numeri legati ­all’adesione servizio scuolabus sono no­ti già dai primi mesi dell’anno. A front­e di un tale calo di richieste sarebbe s­tato opportuno capire le motivazioni che­ hanno indotto i cittadini a rinunciare ­al servizio: il costo è troppo caro? Si ­indice, tempestivamente, un bando di con­corso per l’appalto al servizio, creando­ concorrenza e capacità di trattativa su­lle tariffe proposte. Il servizio non è ­più necessario? È inutile investire circ­a 80000 euro per un servizio non indispe­nsabile! Si vuole dare comunque un’assis­tenza a coloro che ne hanno bisogno? Val­utiamo la possibilità di acquistare un m­inibus, utilizzabile anche per gestire a­ltre richieste sul territorio fuori dall­’orario scolastico, affidandone la gesti­one alla Beinasco Servizi.
Non c’è motivo di essere fieri di “esse­re uno dei pochi comuni a garantire un s­ervizio sottoutilizzato” se i costi di t­utto ciò ricadono pesantemente su tutti ­i cittadini!!! ..Sí, il nostro sindaco s­u una cosa ha ragione, …una riflession­e andava fatta!