Archivi categoria: CONSIGLI COMUNALI

Convocazione Consiglio Comunale – 28 settembre 2017 h18.30

E’ stato convocato il prossimo Consiglio Comunale in data 28/09/2017 alle ore 18.30 presso l’ex Chiesa Confraternita Santa Croce in Piazza Alfieri a Beinasco.
Di seguito l’ordine del giorno, che prevede due interrogazioni e quattro mozioni presentate dal nostro gruppo consiliare: P1703014

Invitiamo la cittadinanza a partecipare numerosa.

NUOVA REGOLAMENTAZIONE COMUNALE ORARI SALE GIOCHI

Lunedì 23 Novembre all’interno del Consiglio Comunale si voterà la mozione sulla creazione di un’ ”anagrafe” delle slot presenti nel territorio e sulla riduzione degli orari delle sale giochi limitate al mattino per contrastare il fenomeno della ludopatia.

Di fatto non potranno essere concesse nuove slot machine ai locali vicini alle scuole e dopo le ore 13 si potrà accedere all’area dei video poker fino alle ore 24.

slot machine

3 italiani su 100 soffrono di ludopatia

La mozione , presentata in Commissione dall’assessore Ronco e votata in commissione sia dalla maggioranza sia dall’opposizione, ci trova come Movimento 5 Stelle di Beinasco favorevoli poiché può contribuire ad allontanare i giovani dal vizio del gioco; inoltre è coerente con uno dei punti del programma che abbiamo presentato alle elezioni inerente proprio alla lotta alla dipendenza dal gioco.

BILANCIO 2015: NUOVO AUMENTO TASSE COMUNALI.

Il Consiglio Comunale ha approvato un aumento dell’irpef comunale allo 0,80%, il massimo consentito dalla legge, con un’esenzione solo fino ad un reddito di 10 mila euro lordi annui. L’amministrazione parla di “rimodulazione” per mascherare un vero e proprio salasso che porterà nelle casse comunali circa 600 mila euro in più, che si va ad aggiungere alla TASI e all’IMU nonché alla TARI, tassazione per cui il comune di Beinasco si annovera tra i comuni con le aliquote più alte. A fronte di questi aumenti non si è provveduto in nessun modo ad una revisione della spesa, doverosa, prima di mettere di nuovo le mani nelle tasche dei cittadini. Soprattutto per quanto riguarda la TASI, il gettito è stato superiore di circa 200 mila euro a quanto previsto e quindi ci sarebbero stati i presupposti per introdurre le detrazioni per i figli a carico, come da noi richiesto. Per la TARI, invece, una piccola riduzione del 3% rispetto all’anno precedente ed in commissione bilancio ci hanno fatto credere che fosse merito dell’impegno dell’amministrazione, per poi scoprire che invece si tratta di un avanzo di gestione del Covar, distribuito su tutti i comuni del consorzio.
Abbiamo presentato 34 emendamenti al bilancio. TUTTI BOCCIATI.
– Abbiamo chiesto la ristrutturazione della ex biblioteca “Colombo” destinandola ad un centro di aggregazione giovanile e la recupero funzionale del giardino adiacente. BOCCIATO
– Abbiamo chiesto di destinare i fondi previsti per il nostro gruppo consiliare per corsi di aggiornamento, ad un fondo per famiglie disagiate per il pagamento dei buoni mensa. BOCCIATO
– Abbiamo chiesto di istituire un fondo per soggiorni estivi marini o in città d’arte patrocinati dal comune per i giovani fino a 25 anni. BOCCIATO
Questi alcuni esempi, se volete conoscere tutti i nostri emendamenti potete consultare gli allegati.

EMENDAMENTI 1

EMENDAMENTI 2

EMENDAMENTI 3

Ma ciò che è più grave è la dichiarazione fatta nel corso del consiglio comunale: “NOI NON APPROVEREMO MAI I VOSTRI EMENDAMENTI”. Per la verità in commissione i commissari della maggioranza avevano già cercato inutilmente di impedirne la presentazione, arrogandosi il diritto di veto non previsto dai regolamenti che noi abbiamo prontamente contestato. Destituire le minoranze della facoltà di presentare emendamenti, strumento previsto per legge, ci fa ben comprendere che ci troviamo in un regime oligarchico. PER QUESTA RAGIONE, PER PROTESTA, SIAMO USCITI DAL CONSIGLIO COMUNALE E NON ABBIAMO VOTATO IL BILANCIO.

Convocazione Consiglio Comunale del 24/12/2014

Vi informiamo che è stato convocato in tutta fretta per domani 24 dicembre alle ore 9.45 un nuovo consiglio comunale (l’avviso non è stato neanche pubblicato sul sito del comune) per discutere gli argomenti all’ordine del giorno del precedente consiglio del 17/12/2014 che, come ben sapete, era stato interrotto.
La discussione ripartirà dalla nostra mozione sul deposito camion di Fornaci, proseguirà con le altre due mozioni sul declassamento del San Luigi e sulla revoca dell’amministratore della Beinasco Servizi.
La convocazione per la vigilia di Natale è del tutto provocatoria, ma noi andiamo dritti per la nostra strada. Tutti presenti!
Vi aspettiamo numerosi.

Come di consueto sarà in ogni caso possibile seguire la diretta streaming del consiglio all’indirizzo http://www.ustream.tv/channel/beinasco-5-stelle

Convocazione Consiglio Comunale del 17 dicembre

E’ convocato per mercoledì 17 dicembre alle ore 18.45 presso l’ex Chiesa Confraternita Santa Croce il Consiglio Comunale di Beinasco, per la trattazione dei seguenti argomenti.

COMUNICAZIONI E INTERPELLANZE
− Interpellanza con oggetto: “Rifacimento segnaletica orizzontale piazzale antistante
campo sportivo Totta di Borgaretto” (presentata dal consigliere Cannati).
− Interpellanza con oggetto: “Espulsione per i ROM che non rispettano le regole”
(presentata dal consigliere Cannati).

VOTAZIONE DELIBERAZIONI:
1. Ratifica deliberazione della giunta comunale n. 139 del 24 novembre 2014 con
oggetto: “Bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2014 e pluriennale 2014-
2016. Prima variazione”.
2. Commissioni consiliari permanenti: modifica componenti.
3. Trasferimento del corso di laurea triennale in scienze infermieristiche a Beinasco –
Fidejussione ex art. 207 D.Lgs n. 267/2000 a garanzia di mutuo in corso di
concessione da parte della Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. alla Beinasco Servizi Srl.
4. Mozione con oggetto: “Nuova attività di deposito mezzi pesanti in via San Felice –
Fraz. Fornaci”.
5. Mozione presentata dal gruppo consiliare “Movimento 5 Stelle” con oggetto:
“Impedire il declassamento dell’A.O.U. San Luigi Gonzaga di Orbassano”.
6. Mozione presentata dal gruppo consiliare “Partito Democratico” con oggetto:
“Cosiddetto declassamento dell’A.O.U. San Luigi Gonzaga di Orbassano”.
7. Mozione con oggetto: “Richiesta di revoca dell’incarico conferito al dottor Sergio
Boido in qualità di Amministratore Unico della Beinasco Servizi s.r.l. ai sensi e per
gli effetti di cui all’art. 6 L. 11 agosto, n. 114, di conversione del D.L. 24 giugno
2014, n. 90.

Invitiamo tutta la cittadinanza ad assistere al Consiglio.

Chi non potesse essere presente, può come di consueto seguire il Consiglio in diretta streaming all’indirizzo http://www.ustream.tv/channel/beinasco-5-stelle

 

Cronache dal consiglio: alla ricerca della trasparenza perduta

Nel Consiglio Comunale del primo dicembre si è discussa una mozione presentata congiuntamente a Forza Italia e la lista civica Vivi Beinasco, nella quale si richiedeva che la nomina del revisore dei conti della Beinasco Servizi fosse sorteggiato tra gli iscritti all’Albo dei revisori, così come già avviene per i bilanci comunali, invece che nominato direttamente dalla Giunta come è avvenuto finora.
E’ facile intuire i motivi che ci hanno spinto a presentare questa mozione; infatti il bilancio comunale ha rigide linee guida e vincoli ai quali invece un soggetto privato (ma interamente controllato dal Comune e sostenuto dai soldi dei contribuenti) come la Beinasco Servizi non è tenuto a sottostare.
Per tutta risposta la maggioranza PD e la Giunta non hanno ritenuto fosse giusto nominarlo con questo metodo perché a detta loro, in primis l’ albo è pieno di incompetenti (dichiarazione poi ritrattata, ma nemmeno troppo visto quanto dichiarato dalla Gualchi), ed in secondo luogo perché è diritto del Sindaco scegliere persone di “sua fiducia” (un po’ come avvenuto con la nomina di Boido a capo della Beinasco Servizi, per intenderci).
Vede Sindaco, da quando il M5S è diventata una realtà anche a Beinasco vivete questa sorta di sudditanza, un complesso di vittimismo che vi porta a pensare che noi vi si ritenga tutti delinquenti. Niente di più lontano dal vero, almeno fino a prova contraria. Noi riteniamo “solo” che la trasparenza e l’equilibrio passino innanzitutto da queste scelte che voi ritenete “piccole” mentre noi e la comunità importantissime.
A pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca e per noi il fatto che si scelga di nominare un profilo di “sua fiducia” piuttosto che un revisore terzo, indipendente e non legato politicamente, è sintomo che qualcosa non quadra né politicamente, né a livello amministrativo, e che da parte della Giunta ci sia la volontà di avere una figura non del tutto autonoma e superpartes.
Dunque, se è vero che la legge lo consente, è altresí vero che le concede la libertà nell’altro senso e dunque di scegliere un revisore utilizzando altri metodi di selezione. Ha a disposizione un Albo di professionisti, che noi invece riteniamo qualificati, pronti ad assumersi (quest’ultimi e non Lei) la responsabilità del proprio operato. Potrebbe addirittura, così come proposto in subordine dal consigliere Cursi, concedere la nomina alle opposizioni essendo, il ruolo di revisore, un compito di controllo e garanzia di regolarità nei conti di una società di proprietà della comunità beinaschese.
Accordare questa mozione sarebbe stato un gesto politico di enorme democrazia e trasparenza, così come lo sarebbe accettare l’ultima istanza accennata. Ma non ci aspettavamo nulla di diverso da chi con arroganza pensa che il voto legittimi a prendere decisioni senza accogliere le proposte che arrivano dalle opposizioni. Come sempre la forza dei numeri (Modini ha dichiarato candidamente “ci hanno rivotato in massa”) permette di arrogarvi il diritto di calpestare le istanze di quelle migliaia di cittadini che non vorrebbero tanta “leggerezza” su temi delicati come i bilanci del Comune e delle partecipate, sentendovi autorizzati di fare il bello ed il cattivo tempo. Per ora i numeri ve lo permettono, ma dubito che i cittadini possano sopportare ancora a lungo questa gestione troppo “personale” della cosa pubblica.

piazza

Convocazione Consiglio Comunale del 1° dicembre

E’ convocato per lunedì 1° dicembre alle ore 18.45 presso l’ex Chiesa Confraternita Santa Croce il Consiglio Comunale di Beinasco, per la trattazione dei seguenti argomenti.

VOTAZIONE DELIBERAZIONE:
1. Surrogazione della consigliera comunale Erika ZUCCHINI, dimissionaria.
COMUNICAZIONI, INTERROGAZIONI E INTERPELLANZE
– Interrogazione con oggetto: “Ritrovamento di insetti all’interno di prodotti
alimentari alla mensa scolastica presso la scuola elementare Italo Calvino di
Borgaretto” (presentata dal gruppo consiliare Movimento 5 Stelle – consiglieri
Zanetti, Denicu, Cursi).
– Interpellanza con oggetto: “Stato di abbandono e degrado parco Corona Verde di
Beinasco” (presentata dal consigliere Cannati).
– Interpellanza con oggetto: “Nuovo organigramma del Comune di Beinasco: il
legislatore abolisce il Direttore Generale e l’amministrazione si inventa il Direttore
Operativo” (presentata dal consigliere Cannati).
– Interpellanza con oggetto: “Attuazione della mozione prot. 2014/M02 del 9 ottobre
2014” (presentata dal gruppo consiliare Movimento 5 Stelle – consiglieri Zanetti,
Denicu, Cursi).

VOTAZIONE DELIBERAZIONI:
2. Approvazione verbali adottati dal consiglio comunale nella seduta dell’8 settembre
2014.
3. Nomina componenti del collegio dei revisori dei conti per il triennio 2015-2017.
4. Mozione con oggetto: “Più trasparenza nella nomina dei revisori dei conti nelle
società partecipate”.

Invitiamo tutta la cittadinanza ad assistere al Consiglio.

Chi non potesse essere presente, può come di consueto seguire il Consiglio in diretta streaming all’indirizzo http://www.ustream.tv/channel/beinasco-5-stelle

 

PD, UN PARTITO TUTTO “DEMOCRATICO”

Riflessioni sul Consiglio Comunale del 7 Luglio 2014

Ce lo aspettavamo! Così come accade in Parlamento anche nel “piccolo” del nostro Consiglio Comunale il Partito Democratico, che nei fatti di democratico ha ben poco, forza la mano chiudendo la bocca ai cittadini che chiedono l’applicazione delle regole democratiche, per invece “manipolarle” a piacimento delle maggioranze.

E diciamo questo amici, non perché siamo quelli che cercano il pelo nell’uovo o perché si vuole essere disfattisti a tutti i costi, ma perché qui a Beinasco si sta attuando una vera e propria “dittatura della maggioranza”, dove con la scusa di dover governare senza ostacoli il gruppo che sostiene il Sindaco Piazza toglie voce alle richieste della minoranza.

Come Gruppo M5S avevamo preparato una interrogazione INT 2014/3 chiedendo lumi nel merito di una questione delicatissima. Come già detto, è inammissibile che in un territorio come il nostro ci si possa permettere il lusso di non avere un Assessorato all’ambiente, ma la cosa che ci lascia assai più perplessi è la “delega” de facto che il Sindaco ha attribuito al Consigliere Modini, contravvenendo a quanto previsto dai regolamenti e, tra l’altro, creando un cortocircuito grave nel funzionamento del Consiglio Comunale mischiando la figura del “controllore” e del “controllato”. Proprio su questo punto il PD, nella riunione dei Capigruppo, ha deciso di cassare questa nostra richiesta impedendone la discussione in aula.

Stessa sorte è toccata alla nostra seconda interrogazione INT 2014/2 che aveva lo scopo di chiedere delucidazioni in merito alla dichiarazione da parte del Sindaco, nel primo Consiglio Comunale, sullo studio ISDE che effettua rilevazioni sui depositi di metalli pesanti nelle unghie dei bambini provocati dalle emissioni inquinanti, tra le quali, quelle dell’inceneritore del Gerbido. Non capiamo (o meglio capiamo fin troppo bene) come possa questa Amministrazione non curarsi degli enormi impatti sulla salute dei propri concittadini “snobbando” questo protocollo di ricerca asserendo, nemmeno troppo velatamente, che quest’ultima (per lui) non ha fondamenti scientifici. Non serve ribadire che chiederemo con forza che vengano presi in esame anche questi campionamenti affinché tutti i cittadini siano quanto meno consapevoli di cosa debbano accettare di respirare.

Trova spazio in Consiglio solo l’interrogazione INT 2014/1 inerente ai “Rischi alluvionali del territorio di Beinasco” che purtroppo è stata discussa brevemente in aula senza che siano state fornite esaurienti risposte in merito. Riteniamo che l’Amministrazione non abbia tenuto in considerazione la direttiva CE 2007/60e che quindi non siano state attivate le procedure relative all’individuazione delle aree a rischio per le quali il termine ultimo è il 15 di Luglio. Le uniche riposte da parte del Sindaco sono state dunque del tutto inappropriate, facendo un vago riferimento al Piano Regolatore che però nulla ha a che fare con la problematica da noi sollevata.

Altro argomento particolarmente spinoso riguarda le Commissioni permanenti. Il PD “pretende” che i voti dei propri componenti delle Commissioni debbano valere di più rispetto ai voti espressi della minoranza. Sorge il dubbio che, nonostante si stia parlando di “politici di lungo pelo”, i rappresentanti del PD non siano troppo ferrati in quelle che sono le regole del funzionamento della macchina comunale o forse, molto più probabilmente, se ne infischiano delle minoranze. Infatti nei regolamenti non vi è alcuna menzione circa la necessità di garantire alla maggioranza i numeri necessari, ma ci si riferisce solo alla proporzione della rappresentanza in seno alle commissioni, dove per inciso, la maggioranza può vantare già ben 5 consiglieri su 9.

Ci auguriamo che nel prossimo Consiglio Comunale si possa trovare il tempo per discutere di questi temi con la calma necessaria, ma soprattutto con serietà, anteponendo prima gli interessi dei cittadini e la giusta applicazione delle regole democratiche.

MoVimento 5 Stelle Beinasco

CONSIGLIO COMUNALE del 7 luglio 2014

Qualche dato e riflessione, per chi non c’era, in merito al consiglio comunale che si è svolto il 7 luglio 2014.
Siamo partiti subito portando tre interrogazioni urgenti:
1 – oggetto: INTERROGAZIONE IN MERITO ALLA DIRETTIVA 2007/60/CE RELATIVA ALLA VALUTAZIONE ED ALLA GESTIONE DEI RISCHI DA ALLUVIONE (direttiva per l’elaborazione dei piani di gestione dei rischi alluvionali ed all’elaborazione delle mappe di pericolosità e rischio, le osservazioni possono essere inoltrate entro il 15 LUGLIO 2014) 
2- oggetto: INCARICHI DATI AI CONSIGLIERI COMUNALI (contestiamo il fatto che la carica di consigliere non possa conciliare, anche se temporanea, con incarichi che dovrebbero essere in carico agli Assessori visto l’importanza degli argomenti con deleghe, stiamo parlando di Ambiente e Partecipate date al consigliere di maggioranza Sig. Modini, come dichiarato anche sul sito del Comune. Per noi, ma sopratutto per le norme di legge, il cosigliere che ha il ruolo di controllore non può avere un incarico che dovrebbe controllare)
3- IN MERITO ALLE DICHIARAZIONI DEL SINDACO DURANTE IL CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 GIUGNO 2014 (nel corso del consiglio comunale del 17 giugno il Sindaco Piazza ha espresso la sua opinione in merito all’attività dell’Isde circa lo studio sulle analisi delle unghie sui bambini; in particolare ha dichiarato che il lavoro svolto dall’Isde non ha alcun valore scientifico perchè privo di protocollo mentre le analisi effettuate dall’Asl sono state fatte in base ad un protocollo definito)
La prima interrogazione è stata accettata ed è stata discussa in consiglio, e l’impressione è che nessuno della giunta ne fosse a conoscenza. Ci ha stupito che l’assessore di competenza, vista l’urgenza della scadenza, non ne sapesse nulla: aspettiamo comunque una risposta dai tecnici del comune, che sicuramente sono più preparati sull’argomento, viste le parole evasive espresse dal Sindaco (che forse non ha ben capito le nostre domande, o forse non sapeva cosa rispondere e dunque ha parlato del piano regolatore).
Per quanto riguarda le altre due interrogazioni, il presidente del consiglio ha ritenuto che fossero un pò troppo politiche e che non fosse il caso di discuterne (ricordo che quando si portano delle interrogazioni urgenti è a facoltà del presidente del consiglio se discuterne o meno, sentiti i pareri dei capogruppo; non è mancata anche la supervisione del Sindaco): sono state protocollate e si porteranno in discussione al primo consiglio comunale utile. Per quanto rigurda il secondo punto dell’ordine del giorno del consiglio, “costituzione commissioni consigliari permanenti”, anche qui abbiamo aperto una discussione in merito al peso del voto all’interno della stesse, che saranno composte da 9 membri così suddivisi:

– per la maggioranza:
4 PD
1 Beinasco Sostenibile
– per la minoranza:
2 M5S
1 Forza Italia
1 Vivi Beinasco
La maggioranza sostiene che il voto dei membri del PD di una determinata commissione valga 0.25 in più rispetto a quello di tutti gli altri membri della commissione. La motivazione di questa disparità? Dicono di aver fatto sempre così.
SEMPRE COSI’!!!
A tutti noi, da subito, questo è sembrato molto strano e dunque, com’è nella nostra abitudine, siamo andati a vedere se esiste la norma in merito e abbiamo chiesto delucidazioni anche al Segretario comunale. Nel Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali art.38 comma 6 recita: “Quando lo statuto lo preveda, il consiglio si avvale di commissioni costituite nel proprio seno con criterio proporzionale. Il regolamento determina i poteri delle commissioni e ne disciplina l’organizzazione e le forme di pubblicità dei lavori.”
Pensiamo che la maggioranza abbia fatto un pò di confusione nella interpretazione della/e norme, spostando anche sul valore del voto la proporzionalità  su ogni singola testa. Altra cosa molto importante, che durante la discussione in consiglio un consigliere della maggioranza dica a quelli che hanno costituito la componente di minoranza nella scorsa legislatura: “Ma voi non avete mai detto nulla in merito”.
Questo la dice lunga sulla situazione normativa attuata in seno al Comune.
Tale è la gravità che abbiamo chiesto di mettere a verbale la nostra richiesta sul valore del voto per avere una risposta adeguata a quelle che sono le normative vigenti, perchè a noi non basta la spiegazione “si è fatto sempre così”.
Intanto continuiamo a fare ricerca, studiando e informandoci, e da Voi cittadini aspettiamo le vostre proposte, idee e informazioni per portare la vostra voce nel palazzo. Vi aspettiamo numerosi ai prossimi consigli comunali e alle commissioni aperte, così che possiate vedere con i vostri occhi e sentire con le vostre orecchie ciò che viene discusso e deciso.
Portavoce consigliere M5S
Eusebio Cursi

Convocazione Consiglio Comunale del 7 luglio

E’ convocato per lunedì 7 luglio alle ore 18.45 presso l’ex Chiesa Confraternita Santa Croce il Consiglio Comunale di Beinasco, per la trattazione dei seguenti argomenti.

COMUNICAZIONI.

VOTAZIONE DELIBERAZIONI:

1. Approvazione verbali adottati dal consiglio comunale nelle sedute del 3 e 28 aprile 2014. 2. Costituzione commissioni consiliari permanenti per la legislatura 2014/2019. Determinazione della loro composizione numerica e nomina componenti.

Invitiamo tutta la cittadinanza ad assistere al Consiglio.

Chi non potesse essere presente, può come di consueto seguire il Consiglio in diretta streaming all’indirizzo http://www.ustream.tv/channel/beinasco-5-stelle