In giro per Beinasco, tra lavori mal fatti e discariche a cielo aperto

Come di consueto, abbiamo fatto quattro passi per Beinasco, armati soltanto di pazienza e di macchina fotografica.

Come prima tappa, siamo stati al nuovo cimitero di Borgaretto.
Appena entrati, notiamo che la camminata – completata di recente- può definirsi tutto fuorchè un lavoro di qualità. Numerose ed evidenti sono infatti le colature di cemento presenti sulle piastrelle, come documentato in queste foto:

foto 1foto 2

Ci spostiamo quindi sul selciato in ghiaia, e notiamo i faretti molto sporgenti posati a pavimento. Ci sono arrivate numerose segnalazioni di persone che hanno rischiato di farsi male inciampando su di essi.

foto.3
Per quale motivo il Comune continua ad affidarsi a ditte esterne per lavori di questo tipo, se poi il risultato finale è quello che vediamo?

In seguito ci spostiamo all’Asilo Garelli di Via Schifani.
Ci avviciniamo al cancello di ingresso secondario e notiamo che le colonne in cemento sono davvero in pessime condizioni. Le cerniere hanno completamente ceduto, e il cancello è ormai fuori asse: per tale motivo non chiude più. Il problema, come ci è stato segnalato, persiste da almeno due anni.

foto 2 (2)foto 4 (2)
foto 1 (2)foto 5 (1)

L’ennesimo segno di degrado delle strutture presenti sul territorio di Beinasco.
E’ evidente: da quanto si legge nelle cronache cittadine, l’attuale Amministrazione è più impegnata ad acquistare nuovi edifici che a ristrutturare quelli già esistenti ed utilizzati dai cittadini beinaschesi.

Un altro esempio: uno dei tanti muretti presenti nel centro di Beinasco, costantemente “abbattuti” dalle auto che fanno retromarcia. Una scelta concettualmente sbagliata, che costringe a continui interventi di manutenzione.

foto 5Per concludere la nostra passeggiata, ci spostiamo verso Via Pio La Torre, sulla strada che porta allo scalo merci di Orbassano a fianco della ex Progetto S.p.A.
Ci troviamo di fronte da una vera e propria discarica a cielo aperto: rifiuti di ogni tipo e in abbondanza, a pochi passi da Borgo Melano.

foto.1.4foto.4.3foto 2 (4)foto.5.2Analoga scena, purtroppo, si ripropone in Via Mirafiori, a fianco della Scuola Gramsci, nei pressi della fermata del pullman per i bambini.

foto.2.3 foto.1.3
Lo spettacolo appena visto è avvilente.
L’incuria verso il territorio e verso le strutture in esso presenti è evidente, ed è un manifesto eloquente di ciò che non ha funzionato negli ultimi cinque anni.
I cittadini beinaschesi meritano di più.

Un pensiero su “In giro per Beinasco, tra lavori mal fatti e discariche a cielo aperto

  1. Marco

    Dire che è uno schifo è fare un complimento,degrado ,abbandono,sporcizia,la fanno da padrona e chi dovrebbe far si che certe cose nn esistano,latita.
    Spero proprio che i cittadini beinaschesi,si sveglino e diano un giro di vite a questa amministrazione,che ora si fà viva a ridosso delle elezioni.
    L’amministrazione deve essere sempre presente nn solo quando ha bisogn dei voti.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *