Scuole e asili beinaschesi: il tour continua

Dopo il report fotografico sullo stato della scuola Vivaldi e dell’Auditorium Giacalone a Borgaretto, continuiamo il nostro tour per monitorare le condizioni delle scuole e degli asili beinaschesi.
Come prima tappa, ci rechiamo alla scuola materna Rodari.
Questa scuola materna presenta da anni una recinzione esterna non conforme, che può essere pericolosa per i bambini che la frequentano. Segue documentazione fotografica.

IMG_4526IMG_4521

IMG_4522IMG_4523IMG_4524IMG_4525I genitori degli alunni iscritti a questa scuola materna hanno presentato da tempo in Comune una raccolta firme per chiedere un intervento, ma non hanno ricevuto nessuna risposta dall’Amministrazione Comunale.

La seconda tappa del nostro tour odierno è la Scuola Materna S. Aleramo di Beinasco. Anche in questo caso notiamo una potenziale fonte di pericolo per i giovani alunni: la base di cemento del muro di recinzione presenta da almeno un anno una grossa spaccatura, come riportato nelle foto di seguito.

IMG_4418IMG_4419
La domanda sorge spontanea: perchè l’amministrazione comunale non interviene?
Forse le risorse sono indirizzate verso altri lavori di manutenzione? Sembrerebbe di no, a giudicare da ciò che vediamo durante la conclusione del nostro giro per le vie di Beinasco.

Arriviamo all’incrocio di Strada del Bottone con Via Frejus e notiamo una buca enorme al centro della strada:

IMG_4416Meglio parcheggiare l’auto, per il bene delle sue sospensioni. Proseguiamo a piedi, ma non siamo di certo più fortunati: nel marciapiede adiacente (se lo si può definire tale) rischiamo subito una distorsione.

IMG_4417Rimanendo in zona, tra via San Luigi e Strada del Risorgimento notiamo una cabina elettrica completamente aperta.

IMG_4421IMG_4420E se qualche bambino ci andasse a giocare dentro? Non vogliamo nemmeno pensare alle possibili conseguenze.

Concludiamo il nostro giro pensando che l’unico posto assolutamente sicuro per i nostri bambini, al momento, è all’interno delle mura domestiche!

2 pensieri su “Scuole e asili beinaschesi: il tour continua

  1. messi

    MA I DIRIGENTI, SINDACO, GEOMETRI E TUTTI GLI ALTRI DOVE SONO?????????????????????????????????????????????????????? NON VIVONO A BEINASCO?QUANDO SI ALZERANNO DALLA SEDIA E GIRERANNO A CONTROLLARE IL PAESE,SE UNO DEI NOSTRI BAMBINI ENTRA IN QUELLA CABINA CHE SUCCEDE?SE UN BAMBINO SI AVVICINA ALLA RECINZIONE TUTTA RATTOPPATA DELLA RODARI SI FA MALE!!!!!!!!!!LO VOLETE CAPIRE!!CHE I SOLDI VANNO SPESI BENE!BASTA CON FESTE DI PIAZZA ,PISTE DA PATTINAGGIO,FESTE MUSICALI A SANTA GROCE(I MUSICISTI SI PAGANO)CONCERTI ESTIVI DAVANTI ALL IPERCOOP.I SOLDI USIAMOLI PER METTERE IN CONDIZZIONE I NOSTRI FIGLI AD ANDARE IN SCUOLE SICURE!PULITE E IN ORDINE.I GENITORI NON DEVONO COMPRARE ,SAPONE LIQUIDO,CARTA IGENICA,FAZZOLETTINI ECC ECC.CI DEVE PENSARE IL COMUNE , E LI CHE I SOLDI VANNO SPESI CAPITO!!!!BASTA SPRECHI.SCUSATE SONO SOLO UN GENITORE.

    Rispondi
  2. Marco

    Questo si chiama degrado e lasciare che gli eventi succedano.
    Quella crepa al muro di cemento in quell’asilo è li da almeno più di un anno,ma nessuno ha fatto le dovute riparazioni.
    Per nn parlare di tutto il resto,il menefreghismo e la maleducazione regnano sovrani,ma tranquilli sotto elezioni si attiveranno,x i voti,sta a noi cittadini a nn cadere a questi compromessi,la salvaguardia dei beni e del territorio và fatta sempre e nn quando ci sono le elezioni in vista.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *