Convocazione Consiglio Comunale – 28 settembre 2017 h18.30

E’ stato convocato il prossimo Consiglio Comunale in data 28/09/2017 alle ore 18.30 presso l’ex Chiesa Confraternita Santa Croce in Piazza Alfieri a Beinasco.
Di seguito l’ordine del giorno, che prevede due interrogazioni e quattro mozioni presentate dal nostro gruppo consiliare: P1703014

Invitiamo la cittadinanza a partecipare numerosa.

Riunione attivisti Movimento 5 Stelle Beinasco – 21 settembre 2017

riunione attivistiE’ convocata una riunione per giovedì 21 settembre 2017 alle ore 21,00 presso la saletta consiliare dell’ex chiesa Santa Croce in Piazza Alfieri a Beinasco.

Le riunioni degli Attivisti sono riservate agli attivisti stessi ma sono aperte a tutti coloro che desiderino diventarlo. Per la prima riunione è possibile partecipare affiancati da un attivista, oppure invitati personalmente se conosciuti da qualcuno del gruppo.

Nel caso in cui non conosciate nessun membro, potete contattarci al nostro indirizzo di posta elettronica sotto riportato.

Come si diventa attivista del Movimento 5 Stelle di Beinasco? Semplicemente… diventando attivo. Cioè partecipando alle nostre riunioni, portando le proprie idee, e collaborando alla realizzazione dei progetti. Ogni nuovo arrivato è il benvenuto alle riunioni che teniamo periodicamente. Il MoVimento 5 Stelle è aperto ai cittadini italiani maggiorenni che non facciano parte, all’atto della richiesta di adesione, di partiti politici o di associazioni aventi oggetto o finalità in contrasto con il programma del MoVimento 5 Stelle.

L’adesione al MoVimento non richiede il pagamento di nessuna quota.

Se sei interessato a partecipare contattaci attraverso l’indirizzo mail: beinasco.5stelle@libero.it

Rifiuti radioattivi bruciati nell’inceneritore del Gerbido: il nostro comunicato

Da sempre abbiamo sostenuto che gli impianti di incenerimento comportano una gestione problematica per gli effetti sull’ambiente e sulla salute. Dopo il mercurio ora dobbiamo fare i conti con le emissioni radioattive. In data 7/3/17 Arpa Toscana ha comunicato ad Arpa Piemonte concentrazioni anomale di radioattività in due carichi di polveri di abbattimento conferiti il 21/2/17 provenienti dall’inceneritore. Ci sono due palesi ed evidenti questioni sulle quali non possiamo chiudere un occhio:
1) I rifiuti radioattivi sono stati segnalati in entrata all’impianto e avrebbero dovuto essere stoccati e avviati alla combustione solo dopo un congruo periodo di decadimento, cosa che non è stata fatta. Le polveri in uscita invece non sono soggette a nessun controllo.
2) si osserva la mancata tempestiva segnalazione dell’evento da parte di Trm alle autorità competenti, in violazione a quanto espressamente previsto dal D.lgs. 230/95 e s.m.i. Tale condotta configura, oltre la violazione della normativa speciale in materia di rifiuti radioattivi, anche una violazione alla prescrizione di cui al punto 2.1.6 dell’AIA vigente, in quanto il gestore non ha adottato tutte le precauzioni previste dalla normativa per la tutela dell’ambiente e della salute.
Alla luce di questi fatti gravissimi, riteniamo assolutamente inefficace la diffida che Città metropolitana ha inviato a Trm.
Siamo costretti a prendere posizione nel merito dei provvedimenti finora adottati che si sono limitati a diffide da parte di CM. Vista la palese inosservanza delle leggi e delle normative in ambito rifiuti chiediamo formalmente che:
1) sia inoltrata agli organi competenti denuncia contro TRM da parte di Città di Torino e Città Metropolitana.
2) siano comminate sanzioni amministrative e pecuniarie.
3) siano effettuate valutazioni non solo sulle polveri residue ma anche sui fumi emessi e sulle acque reflue.
4) sia messo all’ordine del giorno come priorità il piano di emergenza.
5) sia fatta una valutazione sull’attività di controllo e gestione Boero.

Siate consapevoli che chi ha creato questo mostro é il PD il quale comanda ancora in regione e che ovviamente continua ad appoggiare la politica di incenerimento. Lo stesso PD che non ha mai formulato un piano di emergenza nel caso di guasti all’impianto. Uscire da questa spirale sarà un percorso lungo e impegnativo, ma non possiamo lasciare ai nostri figli questa eredità.
GRUPPO CONSILIARE M5S BEINASCO

Siamo tornati!

A causa di una serie di problemi tecnici, il sito è rimasto non aggiornato per molto tempo. Ora tutti i problemi sono stati finalmente risolti, quindi torneremo ad informarvi sulle iniziative locali e nazionali anche tramite questo strumento. Rimanete sintonizzati su queste frequenze!

 

 

Comunicato Stampa, il Comune di Beinasco scarica l’Assessore all’Ambiente

La notizia era già nell’aria da qualche settimana e per questo non abbiamo voluto presentare nostra mozione di sfiducia verso l’assessore  Elena Chinaglia, che in questi mesi aveva dimostrato poca sintonia con l’amministrazione e, per quanto ci riguarda, anche con l’opposizione.
Questo il risultato di una nomina politicizzata per accontentare le liste e listine che non sono riuscite ad entrare in consiglio comunale. La nomina è arrivata dopo un periodo in cui l’assessorato all’ambiente neppure esisteva, malgrado le criticità ambientali a Beinasco sfociate, in queste ultime settimane, nelle diffide della Città Metropolitana sia verso T.R.M. per quanto riguarda l’inceneritore, sia verso la ex Servizi Industriali.
Quindi il sindaco di questo comune, prima non ritiene di dover nominare un assessore all’ambiente e poi, quando lo fa, nomina un esponente del “Comitato Ventipercento” che malgrado i suoi trascorsi in politica, non ha alcuna competenza in questo ambito.
Due scelte evidentemente sbagliate che denotano in modo inequivocabile che l’ambiente non è una priorità mentre nel frattempo la situazione è ulteriormente peggiorata senza che venissero prese sul serio le evidenti criticità,  salvo poi ergersi a paladino dei cittadini sfilando in prima fila davanti alla Regione in occasione della manifestazione contro le “puzze”.
In questi ultimi due anni l’amministrazione si è dedicata unicamente a portare a termine l’operazione immobiliare per l’acquisto della sede della facoltà di infermieristica, mentre all’orizzonte si intravvedono tagli ai servizi ai cittadini, grandi problemi per i lavoratori della Beinasco Servizi srl, partecipata in grave difficoltà economico – finanziaria, indebitata per un mutuo da 2.200.000 euro e un ulteriore debito di  1.300.000 euro verso il comune che non è in grado di restituire.
Questo, secondo noi, non è il modo di fare politica a favore dei cittadini.

assessore-ambientela Stampa di Torino

interrogazione n°2/2014

INTERROGAZIONE URGENTE IN CONSIGLIO COMUNALE IN MERITO ALLE DICHIARAZIONI DEL SINDACO DURANTE IL CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 GIUGNO 2014.

  • nel corso del consiglio comunale del 17 giugno il sindaco Maurizio Piazza ha espresso la sua opinione in merito all’attività dell’Isde circa lo studio sulle analisi delle unghie sui bambini;

  • in particolare ha dichiarato che il lavoro svolto dall’Isde non ha alcun valore scientifico perchè privo di protocollo mentre invece le analisi effettuate dall’Asl sono state fatte in base ad un protocollo definito.

scarica qui